Foto più nitide: ecco come.

Industrial Lights

Molto della definizione delle nostre foto dipende, naturalmente, dalla qualità dell’obiettivo che usiamo, ma prima che decidiate di spaccare il porcellino con le mance per andare a comprare il meglio sul mercato, proviamo a vedere se esiste qualche PICCOLO STRATAGEMMA per ottenere immagini meglio definite anche con quello che abbiamo.

ESISTONO PICCOLI TRUCCHI PER SCATTARE IMMAGINI PIU’ NITIDE!

  • MANO FERMA E MACCHINA STABILE.
    Potrebbe sembrare una banalità, ma credetemi, a volte capita anche a fotografi esperti… la fretta è da sempre una cattiva compagna per la fotografia.
    Cerchiamo sempre di tenere la nostra reflex ben salda in pugno e abituaiamoci a girare con l’indice pronto a scattare.
    La nostra mano sinistra dovrebbe sembre sostenere il barilotto dell’obiettivo quando scattiamo e non rimanere parcheggiata sul lato sinistro del corpo – lì non serve. Schiacciamo per bene il copri mirino contro la fronte, anche questo serve. Teniamo una postura rilassata, ma ferma – le gambe leggermente piegate e divaricate servono.
  • USIAMO LO SWEET SPOT  DEL NOSTRO OBIETTIVO
    Tutti gli obiettivi hanno un diaframma preferito, con il quale offrono la miglior prestazione in termini di definizione dell’immagine. Di solito si trova 2 o 3 stop dall’apertura massima consentita.
    Per una questione di profondità di campo, non sempre è possibile scattare con quel diaframma, cerchiamo, quando non è possibile di non allontanarci troppo. Diciamo che di solito i nostri obiettivi danno il meglio quando li usiamo tra f8 e f11 – se andiamo alla ricerca di una buona definizione, cerchiamo di non allontanarci da f11 e f13, al di sopra di questi valori, aumenteremo il nostro campo di oggetti a fuoco, ma perderemo in termini di definizione (naturalmente  con lenti di buona qualità, la perdita sarà contenuta).
  • USIAMO UN POLARIZZATORE
    I filtri polarizzatori nascono per uno scopo diverso – scurire i cieli e ammorbire o accentuare i riflessi, ma in situazioni particolari, come ad esempio in presenza di spruzzi d’acqua o nebbioline, possono rendere la nostra immagine decisamente più nitida.
  • ATTENZIONE CON GLI ZOOM
    Quando usiamo uno zoom dobbiamo abituarci a mettere a fuoco con la focale con la quale intendiamo scattare, quindi, prima componiamo e poi mettiamo accuratamente a fuoco.
    Nei giorni della messa fuoco manuale, si poteva zoommare al massimo e mettere a fuoco con tranquillità, per poi decidere come spostarsi sulla focale. OGGI, CON L’AUTOFOCUS, NON E’ CONSIGLIATO!
    Per cui, scegliamo la focale e mettiamo a fuoco.
Annunci

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: