Esposizione: capiamo i tempi

Parliamo di tempi, in questo piccolo ciclo di post dedicati all’esposizione (creativa).

La scelta del tempo di posa influisce sulla nostra esposizione tanto quanto lo fa la scelta dell’apertura – vedi post precedente.

Il tempo di posa determina il tempo che il sensore rimarrà esposto alla luce, questa ormai non dovrebbe essere né una novità, né una sorpresa.
Più è lungo il tempo di posa, più il sensore verra colpito dalla luce.

Concentriamoci sui tempi… la scala dei tempi segue una sequenza standard:

30 sec., 15 sec. , 8 sec. , 4 sec. , 2 sec. ,1 sec. , 1/2 sec. , 1/4 sec. , 1/8 sec. , 1/15 sec. , 1/30 sec. , 1/60 sec. , 1/125 sec. , 1/250 sec. , 1/500 sec. , 1/1000 sec. 

Alcune macchine permettono di scattare con tempi ancora più brevi, ma poco cambia al senso del nostro post….

Quello che mi preme spiegare è che, come per i diaframmi, questi valori sono intervallati ognuno da uno STOP .
Ad esempio, passando da 1/30 di secondo ad 1/15, la quantità di luce si dimezza, così come passando da 1/30 ad 1/60 di secondo, la quantità di luce raddoppia.

Ecco dunque chiuso il cerchio – anzi il triangolo – che sta alla base dell’esposizione:

  • Sensibilità – cioè quanto il nostro sensore è reattivo nei confronti della luce
  • Diaframma – quanta luce facciamo entrare
  • Tempi di posa – per quanto tempo facciamo entrare la luce
Tabella di comparazione per ottenere la medesima esposizione
Tabella di comparazione per ottenere la medesima esposizione
Annunci

3 thoughts on “Esposizione: capiamo i tempi

Add yours

  1. “Ad esempio, passando da 1/30 di secondo ad 1/15, la quantità di luce si dimezza, così come passando da 1/30 ad 1/60 di secondo, la quantità di luce raddoppia.” è il contrario!!

Rispondi

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: