Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘golden hour’

Bangla Sahib, nel cuore di Delhi, scattata all’inizio della golden hour serale

Per molti di noi, la luce ambiente è la luce  con la quale ci misuriamo per la quasi totalità dei nostri scatti e credo sia fondamentale, soprattutto per coloro che si sono avvicinati da poco alla fotografia, capire alcuni concetti legati alla luce ambiente.

Non dobbiamo mai dimenticare che fotografare significa scrivere con la luce, per cui la luce è il nostro strumento principale, ancora più importante del modello di macchina che impieghiamo, ecco perché imparare a familiarizzare con la luce ambiente e con le diverse tipologie di luce ambiente lo considero un momento fondamentale della nostra formazione di fotografi.

Quanti di noi hanno sentito altri fotografi, magari più esperti, parlare della fatica luce giusta? Immagino molti.
In effetti il concetto di luce giusta NON esiste, o, quanto meno, è assolutamente soggettivo e legato al senso creativo del fotografo e al messaggio che si vuole legare allo scatto.
Personalmente, al concetto di luce giusta, io contrappongo quello, INOPINABILE, di luce piatta, che nel mio modo di intendere la fotografia, è la luce che non dovremmo mai e poi mai impiegare.
Detto questo, passiamo a vedere come la luce ambiente varia durante le ore della giornata, in modo da comprendere quando è meglio farsi trovare pronti.

 

Il ciclo solare per il fotografo
Ecco il ciclo completo della luce ambiente durante la giornata:

  • blue hour mattuttina
  • alba
  • golden hour mattutina (30’/60′ dopo l’alba)
  • sole alto pre-meridiano
  • massima altezza – sole di mezzogiorno
  • sole alto post-meridiano
  • golden hour serale (30’/60′ prima del tramonto)
  • tramonto
  • blue hour serale (30’/60′ dopo il tramonto)
  • buio

Come vediamo il ciclo della luce si estende da poco prima dell’alba a dopo il tramonto. La posizione del sole nel cielo influenza sia l’intensità della luce, sia la sua direzione, temperatura e qualità, tutte caratteristiche che dobbiamo imparare a riconoscere e sfruttare al meglio per i nostri scatti.
Soprattutto se ci dedichiamo alla fotografia di paesaggio, è necessario comprendere che il momento in cui scattiamo – e quindi la luce legata a quel particolare momento della giornata – influenza in maniera molto importante il nostro scatto.
In parole semplici: scattare all’alba non è come scattare poco prima del tramonto o con il sole a picco di mezzogiorno.

 

Qualità e caratteristiche della luce durante il ciclo solare

Blue hour
Direzione:  non specifica
Intensità:  bassa
Colore:  molto freddo (nella blue hour serale) – freddo (nella blue hour mattutina)
Contrasto: basso
Durezza: nessuna

Golden hour
Direzione: molto specifica
Intensita: da moderata a bassa
Colore: da molto caldo a caldo
Contrasto: moderato, ma presente
Durezza: moderata

Sole di mezzogiorno
Direzione: specifica
Intensità: da alta a molto alta
Colore: neutro
Contrasto: estremo
Durezza: molto dura

Il contrasto cresce dalla golden hour mattutina fino al sole a picco di mezzogiorno, per poi decrescere fino alla golden hour serale.


Vieni a fotografare con noi in Marocco. Ancora pochi posti a disposizione.
Clicca qui per saperne di più.


 

Read Full Post »


La fotografia è scrivere con la luce – non dobbiamo mai dimenticarcelo – e la luce durante le ore del giorno cambia moltissimo per

intensità e qualità e anche questo è un concetto che non dobbiamo dimenticarci quando pianifichiamo uno scatto.

Chiaramente questo po

st vuole solamente essere una raccolta di consigli pratici e non un vademecum da seguire in maniera ottusa… La qualità della luce influisce sul risultato finale dei nostri scatti.

Cerchiamo di mettere un po’ di ordine…

GOLDEN HOURS

Ci sono due momenti della giornata dove la luce è ideale per scattare foto di panorami: quelle ore a cavallo dell’alba e quelle che precedono il tramonto. Le cosiddette GOLDEN HOUR, tanto care ai fotografi paesaggisti.

Perché le golden hour sono così particolari per le nostre fotografie?

  • la luce in queste ore ha un tono caldo e intenso
  • il cielo, soprattutto al tramonto, si tinge di sfumature che passano dall’arancione al viola, passando per tutti i toni del ross
  • la luce non è perpendicolare al terreno e tende ad avvolgere i nostri soggetti meglio

A meno che non si voglia ritrarre il tramonto in maniera specifica o si vogliano includere le luci degli edifici o dei lampioni, è meglio scegliere di scattare all’alba.
L’alba offre una dominante calda meno intensa e quindi la resa dei colori è più neutra di quella del tramonto, che carica molto di giallo/arancio i nostri soggetti.

Alba e tramonto non sono soltanto i momenti migliori per fotografare panorami, in queste ore, grazie all’inclinazione del sole, anche i ritratti risultano più piacevoli.

Naturalmente è necessario considerare la stagione nella quale scattiamo.
In inverno scattare all’alba può essere un’esperienza molto poco piacevole e al tramonto, nei mesi invernali, il sole proietta ombre lunghissime.

Che si tratti di alba o che si tratti di tramonto, i momenti magici non durano mai più di un’ora, questo ci deve insegnare che dobbiamo preparare i nostri scatti per tempo, per non rischiare di bucare il momento.

LE FOTO NOTTURNE NON SI SCATTANO DI NOTTE!
Non prendetemi per pazzo… le migliori foto notture si scattano in quella che i fotografi chiamano la blue hour, quando cioè il sole è già tramontato, ma il cielo non è ancora nero.
In questi minuti (perché la blue hour alla fine si riduce a poco più di un quarto d’ora) il cielo si colora di un blu intenso, edifici e lampioni sono gia accesi e tutto assume più poesia.

Ma allora cosa fa un fotografo durante il giorno?
Un sacco di cose, a dire il vero.
Ad esempio, con un po’ di esperienza, la luce cruda del sole a picco di mezzogiorno può trasformarsi in un prezioso alleato per creare immagini di grande impatto e con grande contrasto, oppure possiamo dedicarci a fotografare dettagli, evitando accuratamente di inquadrare larghe porzioni di cielo.
A patto che non si provi a ritrarre una sposa durante quelle ore! non le renderemmo giustizia.

Nemmeno il brutto tempo ci deve fermare!
La pioggia. soprattutto di notte, ha il potere di dare interesse anche a superfici grige e banali come l’asfalto delle strade, che si accende dei colori dei lampioni e delle auto.

Il cielo nuvoloso di una giornata così così è un ottimo alleato per scattare ritratti.
La luce, filtrata dalle nuvole, è morbida e riusciremo a ritrarre i nostri soggetti senza che questi strizzino gli occhi e senza quelle orribili ombre scure sotto naso e mento.

Read Full Post »